Area Urbana Corigliano

Patrimonio Culturale

Patrimonio Culturale

Patrimonio Culturale

Il popolo Coriglianese è stato sempre presente, con il contributo di vite umane e indicibili sacrifici, nei momenti che segnarono la storia, la politica, la cultura. Tra gli illustri ricordiamo : i Santi Leone Somma e Nicola Abenante, martirizzati a Ceuta (Marocco); Luigi Palma e Costantino Mortati, maestri di diritto; Antonio Toscani, il Pietro Micca di Vigliena (Rivoluzione napoletana del 1799). Vincenzo Tieri (padre di Aroldo), scrittore e commediografo; Francesco Pometti, storico e letterato; Vincenzo Valente, musicista, che ha contribuito, con la sua arte, alla gloria della musica popolare napoletana; Francesco Grillo, storico e giornalista.

Corigliano vanta pregevoli opere d’arte ed è ricca di memorie storiche.

Tra i monumenti più importanti si annotano l’antico Tempio dei Carmelitani, le pregevoli chiesette di Santa Maria di Costantinopoli, di Santa Chiara, di  S. Anna, la monumentale chiesa di  Sant.’ Antonio, la chiesa dei Santi Pietro e Paolo, Santa Maria Maggiore, il Santuario di S. Francesco e il Romitorio San Francischiello; osserviamo inoltre il Ponte Canale, la Potra Librandi, unica rimasta delle antiche porte d’ingresso alla città e il maestoso Castello Ducale.

Dalla piazza antistante la Chiesa di S: Francesco si imbocca la strada per la zona montana che porta alla Sila.

A 9 Km da Corigliano centro è situata Schiavonea, località turistico-balneare rinomata per la limpidezza e la pescosità del suo mare.

A Schiavonea è possibile osservare il Quadrato Compagna, la Torre del Cupo e visitare il Santuario.